La storia

Il consorzio Langarola Classica – Nocciola Storica dell’Alta Langa nasce a Cravanzana con l’obiettivo di tutelare e valorizzare la Nocciola Tonda Gentile dell’Alta Langa, territorio storicamente vocato alla coltivazione di questo frutto.

L’idea prende forma all’inizio del 2017 per dare voce ad un’esigenza comune: conferire identità ad una nocciola di qualità superiore, coltivata con criteri rigorosi e metodi tradizionali all’interno uno specifico territorio.

Dopo una lunga gestazione, fatta di confronti, riflessioni e dibattiti, il Consorzio vede la luce a Cravanzana nell’ottobre del 2017, con formale atto costitutivo.
Nato dall’iniziativa di 8 produttori, esso coinvolge 14 paesi dell’Alta Valle Belbo ed è regolamentato da un disciplinare di produzione che garantisce ai consumatori il rispetto di rigorosi standard qualitativi.

Seguendo le orme percorse anni addietro dai grandi vini rossi piemontesi, il progetto mira al riconoscimento di un “Cru della nocciola”, valorizzando un territorio che dà i natali ad un prodotto di eccellenza, dalle caratteristiche qualitative superiori.
Scopo del consorzio è di tutelare i produttori di un’area nella quale la nocciola è una coltura, ma è anche cultura, in quanto profondamente radicata nella tradizione storica di un territorio in cui la coltivazione della nocciola Piemonte è nata e si è sviluppata, grazie a condizioni pedo-climatiche peculiari e ad un patrimonio di gesti e saperi tramandato di generazione in generazione.